Come vendere occhiali online: strumenti e strategie per aumentare le vendite

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
vendere-occhiali-online-linkitb

Lo sviluppo di innovazioni tecnologiche sempre più accurate e la diffusione di nuovi strumenti digitali di vendita sono il risultato di un chiaro cambiamento nelle preferenze di acquisto degli utenti.

Soprattutto in seguito alla pandemia di Coronavirus, infatti, sono sempre di più i clienti che preferiscono comprare online invece di recarsi fisicamente in negozio. Ciò si evince in quasi tutti i settori commerciali e quello dell’ottica non ne è escluso.

Da un paio d’anni, quindi, il fenomeno della vendita di occhiali online è in netto aumento e chiunque abbia un centro ottico dovrebbe sfruttare il trend per aumentare il fatturato.

È pur vero che la tipologia di prodotto non è così semplice da vendere online. Un occhiale infatti, che sia da vista o da sole, è un accessorio molto personale che deve adattarsi alla fisionomia del suo proprietario, rispondendo ai requisiti di funzionalità oltre che di estetica.

Se già per molti risulta difficile scegliere l’occhiale giusto in negozio, come fare allora a vendere occhiali online ai tuoi clienti superando i limiti e le barriere tipiche di questo settore? Puntando tutto sull’esperienza d’acquisto che, anche sul web, deve essere totalmente personalizzata.

Vediamo allora quali sono gli aspetti a cui fare attenzione se hai deciso di espandere la vendita dei tuoi prodotti online e quali strategie puoi mettere in atto per far sì che l’attività abbia successo.

Vendere occhiali online: piattaforma proprietaria, e-commerce o marketplace?

Abbiamo già visto quanto sia importante avere un sito web bello e funzionale per aumentare la visibilità del tuo negozio online, ma ciò è sufficiente se hai intenzione di vendere sul web i tuoi prodotti? Ovviamente no: se non vi è la possibilità di acquistare gli occhiali su questo canale, si rivela niente di più che una vetrina virtuale.

Sarà necessario allora implementare al sito la funzione di e-shop, in modo che gli utenti possano visionare tutti i prodotti e i modelli di occhiali che proponi senza uscire dal tuo spazio virtuale.

Le alternative che hai a disposizione in questo caso sono diverse, di seguito vediamo le principali.

E-commerce tramite CMS

Quando si parla di e-commerce per piccole e medie imprese, il CMS è la migliore soluzione in assoluto.

Se non hai alcune intenzione di perdere tempo dietro i codici e, soprattutto, non vuoi (o non puoi) investire grosse somme nella realizzazione di uno shop su piattaforma proprietaria, puoi aprire il tuo e-commerce con la tecnologia CMS (Content Managing System) Open Source.

In altre parole, puoi appoggiarti a delle piattaforme già esistenti (come Magento, Prestashop, Woocommerce) per creare il tuo spazio virtuale di vendita a prezzo più contenuto.

Facilmente integrabili con il sito e con i principali social network, le piattaforme CMS sono accessibili a tutti e di facile gestione (non devi quindi essere uno smanettone per tenere il tuo e-commerce aggiornato). Essendo sviluppati dalla community, inoltre, i plug-in e le estensioni hanno un costo molto accessibile e permettono aggiornamenti rapidi, svincolandoti dal rapporto con le agenzie.

In base al budget che hai a disposizione puoi orientarti tra le diverse piattaforme disponibili scegliendo quella con le funzioni più adatte al tuo progetto.

Quelle più economiche, come ad esempio Shopify (che è un Software as a Service), offrono funzioni base e template grafici predefiniti con spazio di personalizzazione molto limitato. Se sei disposto a investire qualcosa in più, invece, puoi appoggiarti a piattaforme che puoi gestire che prevedono però, delle competenze maggiori ma maggior controllo e possibilità di crescita.

Aprire un e-commerce su piattaforma CMS è quindi molto vantaggioso se vuoi contenere i costi e iniziare subito con la vendita online.

Piattaforma proprietaria sul tuo sito

Ti hanno detto che sviluppare il tuo e-commerce su piattaforma proprietaria è la soluzione migliore per vendere online? Non è esattamente vero.

Questi strumenti hanno indubbiamente dei vantaggi e si rivelano molto validi per l’attività di vendita, ma rispetto ai CMS open source presentano molti più svantaggi che è il caso di tenere in considerazione.

Sviluppata ad hoc da un team IT, il principale vantaggio di una piattaforma di vendita proprietaria all’interno del tuo sito è dato dalla possibilità di poterla personalizzare totalmente in base alle tue preferenze e necessità.

Non puoi aggiungere, rimuovere o modificare elementi in qualsiasi momento ma devi partire con una progettazione molto accurata, considerata la complessità del processo, non puoi gestire queste operazioni da solo; sei tenuto quindi a interfacciarti con lo sviluppatore di volta in volta perché le operazioni richiedono competenze tecniche ben precise.

Se questo può non essere un problema per chi preferisce delegare, probabilmente la nota dolente in questa scelta è data dall’investimento necessario per la creazione e la gestione dell’e-commerce, che si rivelerà parecchio costoso.

Il prezzo da pagare per una piattaforma estremamente personalizzabile ma di difficile gestione e aggiornamento è quindi sostenibile solo per progetti molto complessi e ad altissimo budget.

Marketplace

I marketplace sono degli spazi virtuali di vendita che, nell’ottica di incrementare le vendite online, possono supportare l’attività dell’e-commerce.

Quando si parla di marketplace i primi nomi che vengono in mente sono sicuramente Amazon e eBay, anche se ve ne sono tantissimi altri specifici di settore (ad esempio Etsy per i prodotti artigianali e vintage).

Essi consistono in una sorta di grandi negozi virtuali, organizzati per categorie, in cui gli inserzionisti possono vendere i propri prodotti. I tuoi occhiali, quindi, verranno mostrati tra i risultati di ricerca insieme ad altre centinaia di occhiali messi in vendita da altri inserzionisti.

Emergere tra la concorrenza è parecchio difficile, pertanto per avere successo dovrai fare la differenza, offrendo ad esempio prodotti esclusivi o il prezzo più competitivo per un prodotto molto richiesto.

Considerato che l’iscrizione e l’attivazione del servizio sono gratuiti (ma dovrai pagare una piccola percentuale sulle vendite), queste piattaforme rappresentano un’opportunità in più, un canale aggiuntivo che puoi integrare nella tua strategia commericale online.

Come vendere occhiali online: strategie di vendita e customer experience

Un sito con piattaforma di vendita funzionale deve essere semplice, facilmente fruibile e in grado di supportare il cliente in ogni fase dell’acquisto. I prodotti dovranno essere suddivisi per categorie in modo da poter consultare tutto il catalogo con facilità individuando subito il prodotto più adatto e nelle singole schede dovresti mettere in evidenza servizi e opzioni compatibili con l’acquisto.

Ad esempio, il cliente deve poter scegliere con un solo click se aggiungere al carrello solo la montatura degli occhiali oppure anche le lenti graduate.

La personalizzazione del canale di vendita è quindi il primo e più importante step per vendere occhiali online, ma deve andare di pari passo alla pianificazione di una strategia commerciale. Senza quest’ultima, infatti, anche con l’e-commerce più funzionale del mondo faresti fatica ad ottenere risultati concreti nelle vendite.

Una strategia di marketing efficace deve tener conto di tutti gli strumenti disponibili per aumentare la visibilità del tuo brand e far conoscere il tuo e-shop a nuovi potenziali clienti.

La comunicazione sui social è fondamentale. Attraverso le tue pagine Facebook e Instagram puoi creare relazioni con gli utenti, realizzando dei post con consigli e suggerimenti realmente utili.

Ad esempio, puoi dedicare una settimana alle montature da sole più stravaganti, con tips per scegliere quelle più adatte ad ogni occasione, e un’altra a quelle da vista sottolineando l’importanza di scegliere delle lenti di qualità per il benessere dei propri occhi.

L’obiettivo, in questo senso, è quello di diventare per gli utenti un punto di riferimento nel settore, fidelizzarli e poi spingerli verso il tuo e-commerce per l’acquisto dei tuoi prodotti (che avrai sapientemente consigliato sui social).

Leggi anche: Social network per ottici: le 3 regole d’oro per una strategia social di successo

Attraverso le inserzioni a pagamento, invece, puoi dare maggiore visibilità ai prodotti di punta (ad esempio l’ultima linea esclusiva di occhiali da sole luxury appena arrivata in negozio) e raggiungere alcune categorie di utenti ben specifici, ovvero quelli in target con l’offerta.

Puoi sfruttare inoltre gli strumenti pubblicitari specifici per e-commerce, come Facebook, Instagram e Google shop oppure i comparatori di prezzo. Questi funzionano come delle enormi vetrine (mostrano quindi solo il catalogo dei prodotti) e, in base alle ricerche, restituiscono i risultati più pertinenti tra gli e-commerce di settore.

Infine, è fondamentale fare in modo che l’esperienza dell’utente all’interno dell’e-commerce sia completa e soddisfacente al punto da non fargli rimpiangere il negozio fisico.

Migliorare la customer experience per vendere occhiali online

Gli strumenti digitali che la tecnologia offre nel settore dell’ottica sono talmente all’avanguardia che, se sfruttati a dovere, consentono agli utenti di vivere un’esperienza di qualità all’interno del tuo negozio virtuale.

Ad esempio, la tua figura professionale può essere sostituita da un personal assistant digitale che supporti il cliente nella scelta del prodotto, risponda alle sue domande e suggerisca i modelli più adatti in base alle sue necessità.

E ancora, per vincere le resistenze di quanti sono avversi all’acquisto senza la possibilità di provare prima il prodotto, puoi pensare di implementare una funzionalità di VR “try-on” tramite fotocamera. In questo modo l’utente può rendersi conto se la montatura scelta si adatta bene alla sua fisionomia.

Non dimenticare inoltre di sfruttare il CRM marketing per analizzare le abitudini di acquisto dei clienti e aggiustare il tiro nella tua strategia. Ad esempio se dai dati emerge che la maggior parte dei tuoi clienti ha acquistato solo occhiali da vista, riagganciali con un’imperdibile promo occhiali da sole + lenti graduate in omaggio.

Leggi Anche: CRM marketing per ottici: fidelizzare e trovare nuovi clienti sfruttando i dati

Infine, assicurati che l’assistenza clienti sia all’altezza delle aspettative degli utenti in tutte le fasi dell’acquisto e nel post-vendita. Non c’è niente di peggio per la tua reputazione, infatti, di un cliente che si sente abbandonato subito dopo averti concesso fiducia e dato i suoi soldi.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Federico Aggio

Federico Aggio

Sono consulente di (Digital) Marketing e Founder @Link ITB. Sono ossessionato dall'ottimizzazione e il mio lavoro è la mia passione! Se vuoi parlarmi di un progetto fissiamo un appuntamento!

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti gli articoli e le news di settore direttamente nella tua email.